Primitivo

quoteil rosso biologico lucano per gli amanti del Primitivoquote
Vino Rosso Matera DOP
Terra Aspra 2009
Azienda Agricola Marino Francesco
vino biologico online Uve biologiche

  • Anno: 2009
  • Cod. Prodotto: 111686
  • Alcol: 14,5% Vol
€ 15,00

Aggiungi al carrello
Chiedi informazioni su questo prodotto
A PROPOSITO DEL VINO PRIMITIVO
 
Il vitigno Primitivo è coltivato essenzialmente nell’Italia del Sud, in Puglia soprattutto, ma è abbastanza diffuso anche in Basilicata.
 
In Puglia e Basilicata, da uve Primitivo si producono diversi vini rossi IGT e DOP.  Nelle stesse regioni, hanno ottenuto il riconoscimento della DOC il pugliese Primitivo di Manduria e il lucano Primitivo Matera.

Il Primitivo di Manduria, senza dubbio il più conosciuto dei vini Primitivo, è prodotto nei territori dell’omonima cittadina in provincia di Taranto.

Il Primitivo Matera (DOC e DOP), ancora vino di nicchia, prende il nome dalla città di Matera, Capitale europea della Cultura per il 2019, conosciuta nel mondo per i cosiddetti “Sassi”, uno degli insediamenti umani più antichi al mondo, Patrimonio Mondiale UNESCO dal 1993.
 
Circa le origini del vitigno Primitivo, bisogna risalire a 2.000 anni fa quando gli “Illiri” lo portarono nell’Italia meridionale dai Balcani. A tal riguardo sono stati pubblicati studi specifici.
È stata una disputa circa le origini dello “Zinfandel”, vitigno molto diffuso in California e del tutto simile al Primitivo, ad attrarre gli interessi di studiosi americani croati e italiani i quali hanno dimostrato, producendo evidenze scientifiche negli anni 90, che:
  • il Primitivo italiano deriva dai vitigni croati ”Plavac Mali” e “Dobricic”;
  • lo “Zinfandel” californiano non è un vitigno autoctono della California ma è, a tutti gli effetti, il Primitivo italiano.
Rinviando alle pagine dedicate al vino Primitivo disponibile per l’acquisto online, anticipiamo le principali caratteristiche di questo buon vino rosso italiano

Premesso che, come per tutti i vini pregiati, sapori e profumi possono assumere gradazioni e intensità diverse in funzione dei terreni, dell’annata e della maestria del vignaiolo, il Primitivo si conferma un vino potente e di corposità generosa, morbido e spesso vellutato, molto apprezzato per la tipicità dei suoi profumi, sempre intensi, floreali e speziati.